Accendo la televisione e vedo visi sorridenti, famigliole felici, tutti con un bel sorriso stampato sulla faccia… peccato che sia tutta una finzione, un modo per invogliare me e milioni di altri consumatori ad acquistare un prodotto piuttosto che l’altro…
Qual è la vera gioia?
Oppure vedo un calciatore (per altro profumatamente pagato) che dopo aver segnato il suo goal si lascia andare a manifestazioni di esultanza spettacolari, capriole, scenette e così via (ne parlo da profano, lo confesso: sono calcisticamente ateo), a beneficio del pubblico pagante…
Qual è la vera gioia?
Il nostro mondo sembra aver perso la capacità di vivere la gioia autentica, quella che scaturisce dal cuore. Eppure solo lì si trova la vera gioia.
Il papa Paolo VI scriveva nel 1975, a conclusione dell’Anno Santo, quello straordinario inno alla gioia cristiana che è l’esortazione apostolica Gaudete in Domino, dove si legge tra l’altro:
«Sì, l’immenso amore di Dio chiama coloro che provengono dai diversi punti dell’orizzonte a confluire verso la Città celeste, sia che si trovino – in questo Anno Santo – vicini o ancora lontani. E dato che tutti questi convocati – cioè tutti noi – restiamo in qualche misura peccatori, occorre che cessiamo di indurire il nostro cuore, per ascoltare la voce del Signore e accogliere la proposta del grande perdono, così come l’annunciava il profeta Geremia: «Li purificherò da tutta l’iniquità con cui hanno peccato contro di me e perdonerò tutte le iniquità che hanno commesso verso di me e per cui si sono ribellati contro di me. Ciò sarà per me titolo di gioia, di lode e di gloria tra tutti i popoli della terra».
E poiché questa promessa di perdono, e tante altre, ricevono il loro significato definitivo nel sacrificio redentore di Gesù, Servo sofferente, soltanto Lui può dirci, in questo momento cruciale della vita dell’umanità: «Convertitevi e credete al Vangelo». Il Signore vuol soprattutto farci comprendere che la conversione richiesta non è assolutamente un passo indietro, come avviene invece col peccato. Viceversa, la conversione è mettersi sulla giusta strada, progredire nella vera libertà e nella gioia. È risposta ad un invito che proviene da lui, amoroso, rispettoso e pressante nello stesso tempo: «Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime».
Infatti, vi è forse un peso più opprimente del peccato? Un’angoscia più desolata di quella del prodigo, descritta dall’evangelista san Luca? Al contrario, quale incontro più sconvolgente di quello tra il Padre, paziente e misericordioso, e il figlio tornato sui suoi passi? «Ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione» (61). Ma chi è senza peccato, al di fuori di Cristo e della sua Madre Immacolata? Perciò l’Anno Santo – promessa di giubilo per tutto il Popolo – col suo invito a tornare al Padre nel pentimento è anche un richiamo a riscoprire il significato e la pratica del sacramento della Riconciliazione. Sulla scia della migliore tradizione spirituale, noi ricordiamo ai fedeli e ai loro pastori che l’accusa delle colpe gravi è necessaria, e che la confessione frequente resta una sorgente privilegiata di santità, di pace e di gioia».
La vera gioia è la misericordia di Dio che cambia il nostro cuore e la nostra vita.
La vera gioia è avere la grazia di riconoscersi peccatori, e però sapere che l’amore di Dio è più grande del mio peccato.
La vera gioia è accogliere il Dio che viene a visitare il suo popolo. Gli antichi profeti dicevano: “Convertitevi a Dio ed egli si convertirà a voi”. Gesù dice: “Dio si è già convertito a voi, abita già in mezzo a voi, ha fatto lui il primo passo verso di voi: ora convertitevi anche voi a Lui, se volete pace, speranza, gioia”.
Questa è la vera gioia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...