Basilio di Cesarea
Sullo spirito Santo

XXVII,66. Tra le dottrine [dógmata] e la predicazione [kerýgmata] custoditi nella Chiesa, la seconda la abbiamo dall’insegnamento scritto; le prime le abbiamo ricevute dalla tradizione apostolica e le abbiamo trasmesse riservatamente; ma entrambe hanno la stessa forza per quanto riguarda la pietà. E ciò nessuno potrà contestarlo per quanta scarsa esperienza abbia delle istituzioni ecclesiastiche. Se infatti scartassimo i costumi non scritti come non aventi grande forza, si arrecherebbe inconsciamente danno al Vangelo proprio sui punti più importanti; anzi di più: si ridurrebbe la predicazione ad una parola priva di contesto.

Per esempio — per ricordare la prima cosa che viene in mente e che è la più comune — contrassegnare con il segno della croce coloro che sperano nel nome del Signore nostro Gesù Cristo, chi ce lo ha insegnato per iscritto? Volgersi verso oriente quando si prega, quale scrittura ce lo ha insegnato? le parole dell’epiclesi al momento della consacrazione del pane dell’Eucaristia e della coppa della benedizione, quale santo le ha lasciate a noi per iscritto? Noi non ci contentiamo delle parole riportate dall’Apostolo o dal Vangelo, ma prima e dopo ne pronunciamo altre che hanno una grande importanza per il mistero e che provengono dall’insegnamento non scritto. Noi benediciamo anche l’acqua del battesimo e l’olio dell’unzione e inoltre lo stesso battezzato. In virtù di quali scritti? Non forse in virtù della tradizione non predicata e riservata agli iniziati? Che dire dunque? La stessa consacrazione dell’olio, quale parola scritta l’ha insegnata? La triplice immersione del battesimo, da dove viene? E tutte le cose che riguardano il battesimo: la rinuncia a Satana e ai suoi messaggeri, da quale Scrittura proviene se non da questo insegnamento considerato privato e inesprimibile, che i nostri padri custodirono in un silenzio esente da curiosità e in tutta semplicità, sapendo bene che il carattere sacro dei misteri si salva nel silenzio? Delle cose, infatti, che non è dato contemplare ai non iniziati, come si potrebbe ragionevolmente divulgarne per iscritto l’insegnamento?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...