O che bel stare è stare in Paradiso
Dove si vive sempre in fest’e riso
Vedendosi di Dio svelato il viso
O che bel stare è star in Paradiso.

Ohimè che orribil star qui nell’inferno
Ove si vive in pianto e foco eterno
Senza veder mai Dio in sempiterno
Ahi, ahi, che orribil star giù nell’inferno.

Là non vi regna giel, vento, calore,
Che il tempo è temperato a tutte l’hore
Pioggia non v’è, tempesta, nè baleno,
Che il Ciel là sempre si vede sereno.

Il fuoco e ‘l ghiaccio là, o che stupore
Le brine, le tempeste, e il sommo ardore
Stanno in un loco tute l’intemperie
Si radunan laggiù, o che miserie.

Havrai insomma là quanto vorrai
E quanto non vorrai non haverai
E questo è quanto, o Musa, posso dire
Però fa pausa il canto e fin l’ardire.

Quel ch’aborrisce qua, là tutto havrai
Quel te diletta e piace mai havrai
E pieno d’ogni male tu sarai
Dispera tu d’uscirne mai, mai, mai!

Philippe Jaroussky
L’Arpeggiata
Christina Pluhar
Concert life Ambronay 18.09.2008
«Icônes du Seicento»

Philippe Jaroussky Contre-tenor
L’Arpeggiata Christina Pluhar

Christina Pluhar théorbe et direction
Alessandro Tampieri violon
Doron Sherwin – cornet
Eero Palviainen guitare baroque
Charles Edouard Fantin – guitare baroque
Margit Übellacker – psaltérion
Haru Kitamika clavecin
Richard Myron violone
Michèle Claude percussions

Réalisateur Olivier Simonnet
Une production de © CLC Productions, Ensemble l’Arpeggiata, Centre Culturel de Rencontre d’Ambronay
Avec la participation de mezzo et France 2

Concert filmé au 29eme festival d’Ambronay

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...