Ricordi d’infanzia

Questo racconto umoristico di Achille Campanile l’ho letto per la prima volta sul “Corriere dei Piccoli”. I miei anni non avevano ancora due cifre… Quell’antico tronco d’albero che si vede ancor oggi sul Gianicolo a Roma, secco, morto, corroso e ormai quasi informe, tenuto su da un muricciolo dentro il quale è stato murato acciocché […]

Vota:

San Siro colpisce ancora…

Dunque, fammi capire: cento trenta sette giorni fa si inaugura il famoso ed innovativo monumento a ricordo della scomparsa Torre Civica, e oggi siamo già qui a correre ai ripari? Manca il contratto di manutenzione della “fontana”? La gente butta dentro i sassi? Cammina sui resti della Torre? Rovina quel poco che resta della storia cittadina? […]

Vota:

L’indifferenza che uccide

«In un’Europa pervasa dalla secolarizzazione, in un’Europa le cui fonti spirituali si vanno rapidamente inaridendo per il disprezzo dovunque decretato a ogni umanesimo, non può che stabilirsi un rapporto fatalmente necessario, infatti, tra l’indifferenza verso il Cristianesimo e l’antisemitismo. È la medesima indifferenza per ciò che non può essere espresso dai numeri, per ciò che […]

Vota:

Vescovi disperati

Scrive Marco Tosatti nella sua rubrica su “La Stampa” on-line: «Più esplicita e precisa invece è stata la risposta alla questione posta in toni “disperati” da un vescovo di una piccola diocesi (quarantamila abitanti) che si lamentava perché una parte del clero è “conservatrice” e non vuole dare la comunione sulla mano. Il Papa gli […]

Vota:

La vera confessione: fedeli pentiti, non preti indulgenti

origine di Ettore Gotti Tedeschi La mia generazione apprendeva, nello studio della dottrina cristiana, che il peccato è il vero primo e peggior nemico dell’uomo. E apprendeva che il maggior pericolo che l’uomo corre è sottovalutarlo, ignorarlo, cancellarlo. Per riuscirci la pratica del Sacramento della confessione è indispensabile, perciò la maggior tentazione è non volersi […]

Vota:

Cor ad cor loquitur (III Domenica del Tempo Ordinario)

Il brano del vangelo di Matteo che oggi si legge in chiesa descrive il dinamismo di Gesù. Dice che egli, “lasciata Nazaret, venne ad abitare a  Cafarnao”; che vede Simone e Andrea “mentre camminava lungo il mare di Galilea”, e che “andando oltre”, vede Giovanni e Giacomo, e come coronamento, Matteo ci dice che “percorreva […]

Vota: